Categorized | RICETTE, EVENTI

Marmellata di arance amare

arance1

marmellataAmatissima dagli inglesi. E’ l’unica a cui attribuiscono il nome di “marmalade”, tutte le altre le chiamano “jam”. Si fa con una varietà di arance denominata “di Siviglia” che si trovano sul mercato nei mesi di gennaio e febbraio. Noi le compriamo dall’Azienda Agricola Di Silvio, che ha un punto vendita BIO in Via Oderisi da Gubbio a Roma. Si possono trovare anche nei numerosi farmers market distribuiti un po’ ovunque nella capitale.

Per un chilo di arance, 1 chilo di zucchero di canna, 1 litro d’acqua, il succo di 1 limone. Lo zucchero di canna rende la preparazione più bruna e più profumata, se volete un effetto più chiaro e trasparente sostituite lo zucchero di canna con lo zucchero semolato.

Preparazione: lavate le arance e raccoglietene il succo. tagliate le bucce a listarelle senza  togliere niente. I semi e tutto ciò che si raccoglie nello spremiagrumi, va messo in un sacchetto filtrante e aggiunto in pentola insieme al succo delle arance, al succo di limone, alle bucce tagliuzzate e all’acqua. Lasciare a bagno per una notte. Al mattino fate bollire per un’ora circa. dopo la bollitura lasciate riposare per 4/5 ore. Togliete il sacchetto con i semi dopo averlo  spremeto bene. Ne uscirà una sostanza un po’ gelatinosa, molto utile per addensare la marmellata (pectina naturale). Aggiungete lo zucchero e lasciate bollire per almeno due ore. Mettete nei vasetti quando ancora è bollente per prolungarne la durata: effetto sterilizzazione.

E’ una preparazione romantica e suggestiva. Ma soprattutto, buonissima!

 

 

 

Be Sociable, Share!

Comments are closed.

Menu